Loading...

GUSTO

Gli indirizzi food dell’estate milanese

Sono molti i locali e i ristoranti che a Milano in estate mettono a disposizione dei propri ospiti tavoli in giardino o su terrazze en plein air. Abbiamo selezionato quelli da non perdere adesso, da scoprire sia di giorno sia di sera, con ottime proposte di cucina da gustare all’aperto.  

DI MARCO TORCASIO

14 July 2022

La terrazza con affaccio su parco Montanelli

Affacciata sui giardini Indro Montanelli, Terrazza Palestro regala una vista panoramica su una delle aree verdi più belle della città. Apprezzata per l’organizzazione di eventi privati e aziendali, la terrazza è perfetta per godersi un momento di piacere all’aperto sia con il sole che con la pioggia, poiché provvista di copertura. La stagionalità è il leitmotiv della cucina guidata dello chef Stefano Piccinini che porta in tavola piatti della tradizione italiana con un twist creativo ma discreto. Da provare gli gnocchi fatti in casa con crema di piselli e tartufo nero e i calamari grigliati con caponata leggera di zucchine e salsa di cocco alla curcuma. Per completare il quadro, all’ora dell’aperitivo – dalle 18.30 alle 21.00 – un drink, un tris di dry snack e un paio di finger food preparati espressi, vengono serviti nella zona lounge della Terrazza, arredata con divani e piante di alloro e gelsomino, come fossero un’estensione naturale del parco sottostante. Se la fame stuzzica è possibile lasciarsi tentare dagli “spuntini” pensati proprio in accompagnamento ai cocktail della drink list.  

Terrazza Palestro Milano

Il giardino urbano a pochi passi dai Bastioni di Porta Venezia

Affacciato su piazza Oberdan e adiacente al negozio Tommy Hilfiger, il ristorante e cocktail bar People’s Place vuole essere espressione della cultura pop americana che anima il brand. Il locale con tavoli air si estende su una superficie di 85 mq dove il verde del giardino si fonde perfettamente con l’architettura dalle linee pulite e minimal. Dal 2021 la proposta food è curata dal catering ZeroBriciole, nato da un’idea di Martina Camporeale, designer, sommelier e consulente per la ristorazione. Articolato in tre diverse sezioni – lunch, casual dinner e brunch – il menu accompagna i clienti lungo tutto l’arco della giornata. Da provare il Pulled Pork con cipolla agrodolce, cheddar e salsa BBQ racchiusi in uno scrigno di pan brioche. Alle 18 al bancone si cominciano a shakerare drink per l’aperitivo e ci si prepara per la casual dinner. I cocktail raccontano gli States grazie a una drink list tematica che affianca i grandi classici. Tra le proposte targate People’s Place, Plastic Sea è una rivisitazione del classico gin tonic dove il gin al pomodoro incontra la freschezza dello sciroppo al rosmarino e basilico. Pensato per sensibilizzare il pubblico sulla problematica ambientale dell’inquinamento dei mari, viene servito scenograficamente in un porta-bicchiere che riprende la forma della classica bottiglietta in plastica.

Peoples Place Milano

Convivialità con vista sulla Basilica di Sant’Eustorgio

Tra Corso di Porta Ticinese e Piazza XXIV Maggio, e/n enoteca naturale si trova nell’area pedonale di Via Santa Croce e sorge all’interno del giardino di Casa Emergency, oggi sede della ONG italiana fondata da Gino Strada e Teresa Sarti nel 1994. In questo wine bar dalle grandi vetrate e con dehors (con le panche in legno e i muretti) il menù è corto, come si conviene a un’enoteca contemporanea in abbinamento alla grande varietà di vitigni ed etichette della cantina, ma la cucina ha un ruolo centrale grazie a Gianmaria Errico, classe 1995, bergamasco, già demi chef di ASKA** (New York) e di Da Vittorio*** (Bergamo). La proposta di cui Gianmaria è regista ha un nome proprio, “La cucina/ giusta in quattro giri” e il menù consiste in una degustazione di quattro portate (antipasto, primo, secondo e dessert). È un’esperienza gastronomica riservata, su prenotazione, a 40 persone alla volta (disponibile dal lunedì al sabato a cena, il sabato e la domenica a pranzo) e ha un costo fisso (bevande escluse).

enoteca naturale Milano

All-day-dining nel giardino che sa di casa

Nato nel 2019 da un’idea di Lorenza Licciardello e Lea Pedrinella, Onest rimanda alla parola inglese “nest” (nido), per la loro volontà di ricreare un rifugio per tutti gli amanti del buon cibo, vino e caffè. La proposta di Onest abbraccia ogni momento della giornata, dal risveglio alla buonanotte, per sentirsi a casa sempre. Dalle ore 8:00 alle ore 23:30, Onest non chiude mai e offre un servizio che va dalla colazione, con prodotti freschi di giornata appena sfornati, alla cena, con un menu di piatti che cambia quotidianamente in base alle disponibilità sul mercato e all’estro della cucina, senza dimenticare le merende, il pranzo, l’aperitivo e il dopocena. Il locale si sviluppa longitudinalmente e conduce a un luminoso dehors, dove campeggia una vite canadese che crea un fil rouge con il resto del giardino. Nel dehors, parzialmente coperto da una veranda, c’è anche un piccolo orto, con alloro e aglio orsino, utilizzati nell’adiacente cucina. L’elemento delle piante è un dettaglio molto curato dalle proprietarie, che hanno mantenuto il nespolo e l’oleandro del giardino, aggiungendo il gelsomino e un noce asiatico: piante molto diverse tra loro che però nel complesso trasmettono un’idea di serenità.

Onest Milano

Foto di Jacopo Salvi

A cena in Brera sulla sky terrace

Situato a pochi passi dall’Arco della Pace, Locale è un nuovo ristorante milanese aperto a fine marzo 2022 da Veronica Pagani e Gaetano Spadoni. Dalle piccole aziende dell’Oltrepo? Pavese a quelle del Consorzio del Parco Agricolo del Ticino, Veronica e Gaetano hanno un rapporto personale con i produttori per assicurarsi materie prime di alta qualità, che si tratti di carne, verdure, formaggi o vini. Non tutti gli ingredienti essenziali, però, sono reperibili in un raggio di cento chilometri da Milano. Per questo motivo, in menu è stata inserita la “lista dell’onestà”, un elenco di prodotti indispensabili – come sale, zucchero, caffè e limoni – che non sono originari del territorio. Il menu si rinnova ogni settimana: il risotto è proposto in gustose declinazioni ogni volta diverse, così come le uova, sempre presenti in carta, preparate in svariati modi e con abbinamenti sempre inediti. La novità dell’estate è che per tutti i lunedì di luglio il ristorante animerà il rooftop dell’Hotel Milano Scala, dove si sposta in via del tutto eccezionale per promuovere la propria filosofia a km 0 con quattro speciali serate nel cuore di Brera. Ogni appuntamento sarà dedicato alle produzioni di diverse aree dell’hinterland milanese. Il costo delle serate (solo su prenotazione) varia tra i 60 e i 65 euro a persona.

Terrazza Hotel Milano Scala

Indirizzi

Terrazza Palestro
Via Palestro 2, Milano  

People’s Place
Piazza Guglielmo Oberdan 2/A, Milano

e/n enoteca naturale
Via Santa Croce 19/a, Milano

Onest
Via Gerolamo Turoni 2, Milano

Locale c/o Hotel Milano Scala
Via dell’Orso 7, Milano

ARTICOLI CORRELATI


Iscriviti alla nostra newsletter
Utilizziamo i nostri cookies, e quelli di terzi, per migliorare la tua esperienza d'acquisto e i nostri servizi analizzando la navigazione dell'utente sul nostro sito web. Se continui a navigare, accetterai l'uso di tali cookies. Per saperne di più, consulta la nostra Politica sui Cookies.